Galileo Galilei

(appunti e materiali ancora troppo sintetici per affrontare un tema così vasto e delicato)

«io tengo [...]che il Sole, senza mutar luogo, resti situato nel centro delle conversioni de gli orbi celesti, e che la Terra, convertibile in se stessa, se gli muova intorno » Galileo Galilei (1564-1642)

- - -

una ricostruzione dello studio di Galileo al Museo delle Scienze di Monaco di Baviera

- - -

breve Biografia schematica di Galileo Galiei (pdf)
Bertolt Brecht vita di Galileo Galiei (opera teatrale, testo in pdf)
Giorgio Straeler legge vita di Galileo di Berthold Brecht (audioteche RAI)

- - -

1. la reinvenzione del "canna-occhiale": breve storia (filmato formato .wmv - formato .mov)

- - -

2. le osservazioni di Galileo con il cannocchiale del 1610 da rivedere con il simulatore stellarium, liberamente scaricabile dal sito ufficiale.


1. LUNA

non è perfetta, mostra crateri e montagne e di alcune di esse Galileo ne stima l'altezza mediante proporzioni con le ombre da queste mostrate

2. SOLE

presenta delle macchie sono in movimento, anche il Sole non è una sfera perfetta

 

3. via LATTEA e alcune costellazioni

sono migliaia forse milioni le stelle che non si possono vedere ad occhio nudo

-

4. GIOVE

ha in orbita 4 satelliti, dunque esistono corpi celesti che non sono in orbita attorno ala Terra

5. SATURNO

ha dei rigonfiamenti all'equatore, forse anche Saturno ha qualcosa in orbita

 

6. VENERE il problema delle fasi

presenta delle fasi, ma in maniera di mostrare senza dubbio che Venere orbita attorno al Sole (filmato formato .wmv - formato .mov)


-

 

 

Tali osservazioni ed immagini vengono pubblicate da Galileo nel "SIDEREUS NUNCIUS" nell'anno 1610 (formato pdf) in latino per renderle leggibili a tutti, ma non fu per questo libro che Galileo finì nei guai...

- - -

in questo video ci sono delle imprecisioni, ma รจ una buona ricostruzione storica:

- - -

3. come si arrivò da queste osservazioni ad un processo?

(Galileo sosteneva che le verità naturali e le rivelate procedevano dallo stesso Dio e che quindi non vi poteva essere contraddizione o repugnanza tra le une e le altre, e che a ben intendere il miracolo di Giosuè al quale sempre si riferivano gli opponenti, non faceva impedimento la dottrina intorno alla mobilità della terra)

documenti di riferimento:

ATTI DEI PROCESSI a GALILEO GALILEI (pdf)

De Rivolutionibus Orbium Planetoruim libri sex di N.Copernico (pdf)

Dialogo sopra i due massimi sistemi Tolemaico e Copernicano di G.Galilei (pdf)

 

- - - - - - - -

breve cronologia degli eventi:

tutto inizia con la pubblicazione del "DE RIVOLUTIONIBUS"di Copernico anche questo scritto in latino:

 

1543 pubblicazione del "De Rivolutionibus orbium planetorum libri sex" di Copernico (PL, 1473-1543) dedicato a papa Paolo III Farnese

1545-1563 concilio di Trento (convocato da papa Paolo III Farnese per reagire alla diffusione della riforma protestante in Europa)

1559 primo Index librorum prohibitorum (papa Paolo IV, Carafa) l'elenco fu poi aggiornato più di 40 volte e infine soppresso nel 1966 (papa Paolo VI Montini), nel 1559 non vi compare il libro di Copernico

1571 Battaglia di Lepanto

1582 Calendario gregoriano (link) basato sui calcoli di Copernico (papa Gregorio XIII, Boncompagni) [cfr. il PROBLEMA del CALENDARIO]

1600 la condanna di Giordano Bruno (papa Clemente VIII, Aldobrandini)

1610 prime osservazioni e pubblicazione di Galileo nel “Sidereus nuncius”

1606-1612 realizzazione della Cappella Paolina con dipinta la Luna di Galileo tra i piedi della Vergine Assunta (papa Paolo V, Borghese) (presentazione .pdf)

1616 Primo processo a Galileo il quale si chiude con la condanna del sistema Copernicano il giorno 24 febbraio per motivi filosofici e di disaccordo con i sacri testi e non per motivi scientifici:

estratto da Atti del processo a pag.198 :
PRIMA: Sol est centrum mundi et omnino immobilis
motu locali. Censura. Omnes dixerunt dictam propositionem
esse stultam et absurdam in philosophia et formaliter
hereticam, quatenus contradicit expresse sententiis
sacrae scripturae in multis locis, secundum proprietatem
verborum et secundum comunem expositionem et
sensum SS. patrum et theologorum doctorum.
SECUNDA: Terra non est centrum mundi nec immobilis,
sed secundum se totam movetur etiam motu diurno. Censura:
omnes dixerunt hanc propositionem recipere eandem
censuram in philosophia et spectando veritatem
theologicam ad minus esse in fide erroneam.

Galileo non fu in questa circostanza condannato, ma subirà una ammonizione il 26 febbraio 1616: "nec eam de cetero quovis modo teneat, doceat, aut defendat verbo aut scriptis, alias contra ipsum procedetur in Sancto Offitio".

Galileo promise di obbedire ed inoltre ottenne dal cardinale Roberto Bellarmino la dichiarazione del 26 maggio 1616 con la quale il detto cardinale attesta che solo era stato fatto precetto al Galileo di non difendere né tenere la dottrina copernicana. (il pontefice era Paolo V Borghese)

1616 aprile, lettera del cardinale Bellarmino al Foscarini, teologo amico di Galileo, sulla questione copernicana
(interessante da leggere perchè emerge la difficoltà di conciliare la Bibbia con le nuove scoperta e la volontà di non ripudiare nessuna delle due, in fondo sia Galileo che Bellarmino sono due credenti convinti che la scienza e la BIbbia debbano andare di pari passo)

 

1618-1648 Guerra dei TRENTA ANNI (tra stati protestanti e stati cattolici, tale guerra pone fine alla pace sancita ad Augusta nel 1515)


1620 il "De Rivolutionibus" di Copernico è messo all’indice dei libri proibiti

1632 Galileo pubblica il “dialogo sopra i massimi sistemi” senza aspettare l'approvazione del testo ritenendo che nel suo testo non si difenda il sistema copernicano, ma appena letto il papa Urbano VIII Barberini si arrabbia moltissimo. Ad un primo sguardo il testo di Galileo è un dialogo tra chi sostiene il sitema tolemaico (Simplicio) e chi sostiene quello copernicato (Salviati) con un interlocutore che dovrebbe essere neutrale (Sagredo), ma leggendo bene e anche solamente guardando il frontespizio si capisce che....

 

i tre personaggi rappresentati sul frontespizio sono:

da sinistra con la barba lunga è Aristotele quello al centro con il turbante in testa è Tolomeo l'astronomo alessandrino, il suo sistema geocentrico è stato accettato per molti secoli; quello più a destra con abiti più moderni ed uno strumento da astornomo nella mano è Copernico l'astronomo polacco, il suo sistema eliocentrico è stato pubblicato da circa 70 anni ed ancora non è comunemente accettato.


osservazione 1: i tre sono vissuti in epoche molto distanti non potrebbero aver parlato tra loro, a parlare nel dialogo saranno sempre tre personaggi: Simplicio, Salviati e Sagredo
osservazione 2: il personaggio a destra ha caratteristiche somatiche più simili a Galileo che a Copernico
osservazione 3: da una parte Arostotele e Tolomeo di fronte Copernico e Galileo, è questo il senso della sfida: apparentemente due contro uno, ma a ben guardare due contro due, anzi leggendo il testo saranno di fatto Salviati e Sagredo contro Simplicio
osservazione 4: Tolomeo ha in testa un turbante, simbolo degli ottomani (è vero che Tolomeo lavorava alla biblioteca di Alessandria d'Egitto, ma questo avveniva nel II secolo d.C. quando gli egiziani non portavano ancora il turbante. Mettere il turbante a Tolomeo è più di un anacronismo: è un tentativo di farlo identificare come un nemico dell'occidente...

già guardando il frontespizio il papa Urbano VIII comprende che Galileo non ha mantenuto la parola data nel 1616 e lo convoca a Roma per un processo di inquisizione...


1633 Secondo processo a Galileo (papa Urbano VIII, Barberini) in cui si accerta che Galileo ha mancato alla promessa fatta nel 1616 di non sostenere e insegnare in alcun modo il sistema Copernicano
Galileo è costretto ad ammettere le sue colpe e ad abiurare: (testo dell'abiura a pag.308 degli atti del processo)

-dagli atti del processo si nota una particolarità: Galileo non ha un avvocato difensore e risponde direttamente alle domande dell'inquisitore. Ciò perchè nei processi di inquisizione non occorre un avvocato difensore in quanto l'inquisito è già riconosciuto reo e dunque non vi è bisogno di accertare la sua colpevolezza o innocenza. Il processo di inquisizione ha piuttosto lo scopo di redimere il reo che deve scegliere tra due possibili esiti: il riconoscere la colpa imputata, pentirsi e quindi salvarsi oppure essere condannato.

 

1753 il De Rivolutionibus di Copernico viene tolto dall’indice dei libri proibiti (papa Benedetto XIV, Lambertini)

- Dunque si rileva una contraddizione in quanto il sistema eliocentrico non fu un problema per i papi di Roma almeno fino al 1620 e diventò un problema dopo tale data per non essere più un problema dopo il 1753.... perchè?
Quali sono i motivi?
Perchè Galileo fu costretto ad abiurare a causa del Dialogo sopra i massimi sistemi e non per il Sidereus Nuncius?

 

«nelle dispute di problemi naturali non si dovrebbe cominciare dalle autorità di luoghi delle scritture, ma dalle sensate esperienze e dalle dimostrazioni necessarie» Galileo Galilei (1564-1642)

(N.B. è successivo il tentativo di far passare il processo a Galileo come un processo alla scienza, e non ha alcun fornadamento storico la frase "eppur si muove" messa in bocca a Galileo dopo l'abiura dal Viviani, un suo biografo)

                                           

 

4. come si spiega che nella Bibbia ci sia scritto "fermati o Sole"?

- nel XI sec a.C. Giosuè combatte contro cinque Re amorrei e prega Dio di concedergli delle ore di luce perchè l'oscurità avrebbe consentito al nemico di fuggire e riorganizzarsi vanificando la vittoria militare appena ottenuta; egli si esprime ovviamente da uomo del suo tempo e quindi da uomo "geocentrico" prega Dio di fermare il Sole, ritenuto da tutti in movimento attorno alla Terra (Gs 10, 12)

- nel V sec a.C. vengono scritti per la prima volta gli eventi narrati (Redazione definitiva in Giudea nel V secolo a.C.)

- nel III sec a.C. Aristarco di Samos formula la prima ipotesi eliocentrica che fu all'epoca fermamente rifiutata da tutti (sarebbe dunque imbarazzante leggere nella Bibbia che Giosuè conoscesse il sistema eliocentrico ben 7 secoli prima che questa ipotesi fosse formulata. Non è dunque necessario INTERPETARE le parole di Giosuè, è solo necessario COMPRENDERE da chi e in quale epoca vengono pronunciate tali parole)

- Solo nel 1543 Copernico pubblica il "De rivolutionibus" ponendo il Sole al centro per motivi astronomici in particolare per calcolare l'esatta durata dell'anno tropico, ma senza dare prova fisica delle sue deduzioni e senza nemmeno ottenere consensi unanimi

- Nel XVII sec si comincia ad accettare l'ipotesi eliocentrica come scientifica. Tale ipotesi sarà accettata solo dopo aver risolto alcune fondamentali questioni:
    1. il principio di inerzia (1632-1638 Galileo - 1687 Newton)
    2. l'esistenza del vuoto (1654 Magdemburgo - 1660 Boyle - Torricelli 1644)
    3. la mancanza di parallasse delle stelle (1838, Friedrich Bessel misurò una parallasse di 0,3136 secondi d'arco per la stella 61 Cygni)

 

in conclusione, da leggere: Discorso di Giovanni Paolo II del 1992