Galileo Galilei

(appunti e materiale sparso ancora troppo disordinato per un tema vasto ed importante)

«io tengo [...]che il Sole, senza mutar luogo, resti situato nel centro delle conversioni de gli orbi celesti, e che la Terra, convertibile in se stessa, se gli muova intorno » Galileo Galileo (1564-1642)

- - -

bertold brecht vita di Galileo Galiei (pdf)

ricostruzione dello studio di Galileo al Museo delle Scienze di Monaco

- - -

breve Biografia di Galileo Galiei (pdf)

- - -

1. la reinvenzione del canna-occhiale: breve storia (filmato formato .wmv - formato .mov)

- - -

2. le osservazioni del 1610 da rivedere con il simulatore stellarium, liberamente scricabile dal sito ufficiale.

1. LUNA

non è perfetta, mostra creteri e montagne e di alcune di esse Galileo ne stima l'altezza mediante proporzioni con le ombre da queste mostrate

2. SOLE

presenta delle macchi e sono in movimento, anche il Sole non è una sfera perfetta

 

3. via LATTEA e alcune costellazioni

sono migliaia forse milioni le stelle che non si possono vedere ad occhio nudo

-

4. GIOVE

ha in orbita 4 satelliti, dunque esistono corpi celesti che non sono in orbita attorno ala Terra

5. SATURNO

ha dei rigonfiamenti all'equatore, forse anche Saturno ha qualcosa in orbita

 

6. VENERE il problema delle fasi

presenta delle fasi, ma in maniera di mostrare senza dubbio che Venere orbita attorno al Sole (filmato formato .wmv - formato .mov)


-

 

 

Tali osservazioni ed immagini vengono scritte in latino nel "SIDEREUS NUNCIUS" (formato pdf) per renderle leggibili a tutti

3. come si arrivò da queste osservazioni ad un processo?

4. come si spiega che nella Bibbia ci sia scritto "fermati o Sole"?

- Solo nel 1543 Copernico pubblica il “De rivolutionibus…”

- Nel XVII sec si comincia ad accettare l’ipotesi eliocentrica che sara' accettata solo dopo aver risolto alcune fondamentali questioni:
    1. il principio di inerzia (1632-1638 Galileo - 1687 Newton)
    2. l’esistenza del vuoto (1654 Magdemburgo - 1660 Boyle - Torricelli 1644)
    3. la mancanza di parallasse delle stelle (1838, Friedrich Bessel misuro' una parallasse di 0,3136 secondi d'arco per la stella 61 Cygni)

 

Da leggere: Discorso di Giovanni Paolo II